Marmellata, 10 modi gustosi di usarla in cucina

Marmellata, 10 modi gustosi di usarla in cucina
4 Maggio 2018 Antonia Cosentino

La marmellata è da secoli protagonista delle ricette di famiglia: era, infatti, l’unico modo per conservare la frutta per tempi molto lunghi.

E se questo ora non è più necessario, le confetture di frutta sono uno sfizio molto amato nella nostra cucina: se ne preparano di dolci e salate, di frutta e di ortaggi, chiamandole marmellate se di agrumi, confetture se a base di qualunque altro tipo di frutta.

Mangiate a cucchiaiate dal barattolo sono quasi sempre deliziose; ma esistono tanti altri modi, dolci e salati, per condividerle con amici e familiari.

Agrodolce ci racconta come usarla al meglio e non solo a colazione:

  • Sul pane come da tradizione

Si dice pane, burro e marmellata per evocare le merende sane dei bei tempi andati. Ma anche se da bambini siete cresciuti divorando merendine confezionate e gelati fosforescenti questa merenda è assolutamente da non perdere: il segreto del successo non è nell’effetto nostalgia, ma nel delizioso mischiarsi del pane, leggermente salato, con il sottile strato di grasso e la cremosità della confettura.
Se la dolcezza vi sembra eccessiva, provate con la marmellata di arance o di limoni: note pungenti ideali per i palati adulti.

  • Per farcire le intramontabili crostate

È il dolce tradizionale di nonne e zie e ha moltissime varianti: alla base ci sono sempre la pasta frolla, la confettura e le strisce di pasta disposte secondo la propria fantasia. Noi la prepariamo con gli amaretti e la marmellata di pesche tabacchiere. L’hai mai provata?

  • In accoppiata con lo yogurt

Per una merenda più leggera, lo yogurt è un’alternativa sempre valida: quello bianco e quello greco si valorizzano con l’aggiunta di cucchiaio di marmellata. Per sfumature di gusto più audaci provate ad aggiungere miele di fiori d’arancio o di castagno, oppure un pizzico di zenzero o cannella in polvere.

  • Per decorare le cheesecake

Per preparare il tipico dolce statunitense si parte da una base di biscotti sbriciolati e da una crema montata di formaggio fresco spalmabile, panna, uova e zucchero: dopo la cottura in forno si ricopre con la marmellata preferita, aggiungendo a piacimento piccoli frutti o scorze candite. Da lasciare poi raffreddare in frigo per alcune ore.

  • All’interno dei Krapfen

I dolci a base di marmellata, provenienti da tutte le tradizioni, sono in realtà moltissimi. Uno dei più diffusi è il krapfen, che in Italia è spesso trasformato in bombolone o bomba dal ripieno di crema pasticcera. La ricetta originale austriaca prevede però, senza eccezioni, la confettura d’albicocche.

  • Per riempire i ravioli

Con la marmellata si possono preparare anche ottimi piatti salati. Per non far risultare la ricetta troppo dolce preparate il ripieno unendo marmellata, ricotta e un pizzico di sale. Se siete ancora scettici, potete tentare il primo approccio utilizzando confetture non troppo dolci, come quella alla zucchina, alla zucca o alla cipolla rossa.

  • Per accompagnare piatti di carni

Proprio la confettura di cipolle rosse, ma anche quella di limoni, è perfetta per accompagnare le carni: insieme ai chutney, variante di marmellata indiana arricchita di spezie, si abbina molto bene ad arrosti e bolliti.

  • Per valorizzare i tuoi formaggi preferiti

Tutte le marmellate, insieme al miele, sono inoltre l’accompagnamento ideale per un piatto di formaggi, servito a fine pasto o come aperitivo.

  • Per farcire le crepes

Per concludere il pasto, un classico sempre in voga sono le crêpes: leggere sfoglie di latte e farina, spesso servite arricchite da dolcissime marmellate. Da decorare con generoso zucchero a velo, cacao in polvere, cannella e granella di pistacchio, o un ciuffo di panna montata per chi lo desidera.

  • Per far esplodere di gusto i soliti muffin

Niente stupisce di più di un dolce con sorpresa: i muffin dal cuore tenero, ovviamente di marmellata.
Con l’apposito impasto si riempiono a metà gli stampi per muffin; si dispone un cucchiaio di confettura fredda di frigo e si ricopre con il resto dell’impasto. Si cuoce in forno a 160° per circa 20 minuti e il gioco è fatto.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il 10% di sconto

ISCRIVITI